Isola del Gran Sasso, Cona di San Sebastiano

Annunciazione, Cona di San Sebastiano, Andrea De Litio,
Cona di San Sebastiano, Annunciazione di Andrea De Litio,
San Rocco, Cona di San Sebastiano, Andrea De Litio,
Cona di San Sebastiano, San Rocco di Andrea De Litio,

Una piccola cappella, travestita da Monumento ai Caduti, custodisce un tesoro dipinto da Andrea De Litio , il pittore abruzzese che “... pensa in gotico e dipinge in stile rinascimentale...”, come lo ha definito lo storico d'arte Cesare Brandi.

La tipologia della Cona è quella tipica delle cappelle campestri, adesso sorge isolata nel traffico di un incrocio di Isola del Gran Sasso.

All'esterno, sopra l'arco che oggi contorna un Monumento ai Caduti, è dipinta una pregevole “Annunciazione” con l'Angelo benedicente sulla sinistra e la Madonna a destra. Attraverso una porticina si accede nell'angustio spazio interno; subito di fronte un interessante tabernacolo in pietra, datato 1500 nella iscrizione in basso, decorato con bugnature e fregi in stile Rinascimentale.

A sinistra, sulla parete di fondo, sopra un semplice altare in pietra, si stendono i resti di una “Sacra conversazione” raffigurante una “Madonna con Bambino” fra “San Sebastiano” e “San Rocco”. Altre figure affiorano debolmente fra le ingiurie del tempo, forse gli aguzzini e gli arcieri che martirizzano San Sebastiano.

La raffigurazione dei Santi Rocco e Sebastiano fa supporre che la cappella fu edificata come ex-voto dopo una pestilenza (contra pestem).

Cona di San Sebastiano, Andrea de Litio
Cona di San Sebastiano, Andrea de Litio

Photo gallery

click sulla miniatura per ingrandire