Castiglione a Casauria


Castiglione a Casauria
Castiglione a Casauria, panorama
Castiglione a Casauria
Castiglione a Casauria, corte

Sugli ultimi contrafforti meridionali della catena del Gran Sasso, a 350 metri dal livello del mare, troviamo Castiglione a Casauria. 

La sua storia la si può far risalire a cavallo del secolo X quando i villaggi, fatti di abitazioni sparse nel territorio, cominciarono a mutare profondamente in abitati fortificati, per esigenze difensive.

Fu l'abate Adamo I, della vicina abazia di San Clemente a Casauria, che decise di dotare i possedimenti di un castello. Castiglione seguì le sorti dell'Abazia fino al 1345 quando divenne feudo dei Cantelmo.

Ancora oggi case-mura fanno intravedere lo sviluppo dell'abitato incastellato intorno al nucleo difensivo originale.

Suggestive vie strette, passaggi voltati, corti chiuse da archi, vicoli e scorci, ovunque decorazione degli scalpellini locali, fanno di una visita a Castiglione un sereno tuffo nel medioevo.

Nell'agro castiglionese viene coltivato il vitigno forse il più antico d'Abruzzo o, almeno, quello di cui si conoscono le cronache più antiche: il Moscatello di Castiglione. Il vino, dal colore paglierino, si accompagna mirabilmente ai dolci della tradizione abruzzese.

Photo gallery

click sulla miniatura per ingrandire